Accesso utente

Ritratto di GeminiArles

Ci perdiamo...capita, a chi in modo frequente a chi invece non succede mai...ma capita...oggi è più semplice spostarsi...google maps, waze coordinate gps e mille altri modi per arrivare essatamente al punto in cui siamo diretti...una volta era tutto molto più complicato...dovevi conoscere le stelle, i mari ed i venti...sapere dov'è il levante...l'est e l'ovest...dovevi conoscere e saper leggere la bussola...oggi la tecnologia ci aiuta parecchio, eppure ci perdiamo...smarriamo noi stessi...e perdiamo i nostri punti cardinali...ed orientarsi è difficile...ti perdi, come quando entri in un fitto bosco...quando cala la luce è difficile ricordare da quale parte venivi, molti posti si somigliano ma sono diversi e ricordare da dove venivi ti confonde...e allora devi affinare tutti i tuoi sensi...chiudere gli occhi e lasciarti trasportare dall'istinto, questo vale però solo se le tue gambe sono forti, la tua schiena pronta a sopportare un grande sforzo e la tua mente in grado di liberarsi dalla paura e dalla confusione...respira...fai arrivare ossigeno ai polmoni...senti l'aria dentro di te...stavi per mollare...hai pianto gridato chiesto aiuto ti sei arrabbiato con Dio perchè ti ha messo in quella condizione...ora però respira...calma la tua mente...respira...ascolta il tuo cuore...tu-tum..tu-tum...è lì che batte...prendilo in mano e tirati fuori dal bosco...nessuno può salvarti s enon lo vuoi tu per primo...e la strada è dura, è in salita, ripida e scivolosa...avrai voglia di gettare la spugna, penserai di non farcela...e sarà così se non ti convinci del contrario! la nostra mente in questo gioca un ruolo fondamentale, ha un grande potere...nulla accade davvero se nella tua mente non è scattata la molla che ti fa visualizzare il tuo scopo...credici...fallo fino in fondo...l'acqua non incide la roccia in un giorno...credici...ti sei perso...bene può capitare, ora però hai solo due scelte davanti a te: continuare a pensare alla strada fatta e piagnucolarti addosso, piangere e girovagare a caso, oppure prendere coraggio ed andare in una direzione, percorrerla fino in fondo senza sapere se è quella giusta, lo vedrai alla fine, ma se non prendi la decisione di iniziare a fare quel passo, uno dietro l'altro...fino a che non deciderai di intraprendere una strada...non uscirai dal bosco...girerai così a caso...
in fondo è proprio dall'aver smarrito la rotta che si sono fatte le scoperte più grandi...e vedrai che scoprirai una persona che credevi non fossi...il problema non è mai perdersi...il problema è non decidere di prendere una direzione...che tu possa trovare la strada giusta...verrei a prenderti, so dove sei...ma non posso salvarti...ti porterei in un luogo sicuro, ma non significherebbe essere salvi...dovrai decidere di percorrrere una strada...spero solo che deciderai di prendere la direzione giusta, o almeno quella che io reputo sia giusta...ma poi qui in fondo non si tratta di te, di lei, di me, di noi...quando ho accettato di assumere quel ruolo l'ho fatto con la consapevolezza che significava anche doverti sostituire...il punto è che io sono pronto a farlo, ma nel caso non so se ti perdonerò...ma ora è presto per questo tipo di pensieri...trova questa cazzo di strada! e fai quello che non hai fatto mai fino ad ora...AFFRONTA LE COSE!