Accesso utente

Ritratto di GeminiArles

la mia vita mi porta spesso a sedermi sul sedile blu di un regionale, la tratta è quella dei pendolari, spesso i volti sono gli stessi del giorno prima, a volte sono di turisti...c'è un bambino, avrà 8 o nove anni, spesso si siede vicino a me e con il tempo siamo diventati amici, compagni di giochi...mi piace il fatto che lo vedo salire sul treno con occhi curiosi di vedere se sono sullo stesso vagone, a volte lo faccio volentieri di sedermi sempre nello stesso posto, così che possa trovarmi! 
non è la prima volta che giochiamo lungo il tragitto, la prima volta ci siamo conosciuti perchè mi ha raccontato che un bambino a scuola incitava lui ed i suoi compagni a fare azioni che gli avrebbero provocato dolore, sua madre è molto preoccupata, era il periodo in cui i tg parlavano di blu wale...a me i bambini piacciono, mi piace la loro onestà nel dire le cose, non hanno ancora quella struttura che deforma le cose da dire perchè sconvenevoli...i proverbi non nascono poi a caso no? "i bambini e gli ubriachi dicono semrpe la verità"...si vabbè diciamo che siamo amici, io e lui giochiamo nel tragitto, a volte parliamo, e spesso butti gli occhi su sua madre, semrpe a rincorrere qualcosa, il figlio a scuola, il lavoro, la lezione di inglese del figlio, il lavoro riprenderlo viaggio al contrario, spesa cena...faccende di casa...parla di un amrito del quali suo figlio parla pochissimo, anzi per niente...oggi il ragazzo mi fa una confidenza, giocava con le sue carte tipo jugioh come cazzo si scrive...io faccio una battuta tipo: "ne hai tante di carte! ti spenderai tutta la paghetta per comprarle..." "non ho la paghetta, ma ho più di 300 euro da parte!"... "sai che a volte mamma mi chiede se gli preso i soldi?, poi dopo me li ridà, mi deve ancora 15 euro..." la frase è detta sottovoce ma basta a far imbarazzare sua madre seduta vicino a noi...cambiamo discorso, giochiamo con le carte, e sua madre non alza il naso dal libro che sta leggendo, forse è in imbarazzo...mentre non mi guarda la osservo, una ricrescita evidente sotto la tinta rossa, i suoi vestiti non sono firmati e neanche seguono le ultime mode, la sua gonna scopre delle gambe dalla pelle molto screpolata, lo smalto che ha su mani e piedi sembra messo da lei stessa...diciamo che lei non è al massimo del suo splendore, però le carte da gioco di suo figlio sono tante e nuove, lo zaino che lo accompagna è una versione ultima moda dei personaggi che vanno adesso...il ragazzo è vestito bene, non gli manca nulla! 
cosa non fa una mamma per suo figlio...quanto sono fortunato io, quanto è fortunato quel ragazzo, chissà se un giorno si ricorderà o saprà dei sacrifici di quella donna, di sua madre che si fa prestare i suoi soldi...
A volte gli eroi non indossano costumi sgargianti, troppo spesso sono vestiti come tanti altri, ma fanno miracoli come nei cartoni animati!!!