Accesso utente

Ritratto di GeminiArles

Conosco bene questo stato...un po' come quando il vino fermenta nelle botti...c'è agitazione all'interno, viste da fuori le botti sono lì, ferme, immobili...non tutti si rendono conto del processo che si è innascato all'interno...la trasformazione...nel caso del vino di solito la cosa è voluta e l'effetto che si ottiene è sicuramente qualcosa di buono, almeno se ti piace il vino, nel nostro caso questo fermento interno, che forse da fuori in pochissimi sono in grado di vedere, non so se porterà qualcosa di buono...
devo ammettere che non credevo di poterci pensare così tanto, svegliarmi nel cuore della ntote con il cuore in gola e non riuscire a calmarmi...che poi forse alla fine è più un mio costruire, un po' come quando sei nella casa degli specchi, quello che vedi non è mai quel che sembra...eppure a questo gioco, non ho ancora capito bene le regole, se poi ci sono delle regole, perchè spesso si gioca senza sapere quali sono i limiti, i punteggi, lo scopo dell'altro...
però devo ammettere che questa sensazione mi fa sentire vivo, in continuo contrasto, ma vivo...forse è proprio questo di solito in autunno si tende più al letargo, ma se ci pensi bene Arles, è il periodo di un cambiamento, le foglie mutano colore, il clima cambia, anche il giorno e la notte sembrano diversi, più corto uno, più scura l'altra...non saprei dire se è un bene o un male, certo è vero che non ci sarebbe nessuna primavera senza l'autunno e l'inverno e quindi, forse, tutto sommato non c'è poi molto da cambiare, da capire...
Let it be...non semrpe opporsi ai cambiamenti è una cosa buona, a volte bisogna anche lasciare che le cose vadano un po' da se, vedere che succede, capire qual'è la direzione in cui si sta andando... un po' come quando sei in barca e lasci che la corrente ti trasporti un po'... a volte andando a scarroccio siamo arrivati in posti in cui l'acqua era particolarmente blu ed il fondale è spettacolare, altre votle abbiamo rischiato di sbattere sugli scogli...e se è vero che non c'è vento favorevole per il marinaio che non sa dove andare, è altrettanto vero che a volte bisogna fiutare il vento per capire dove si vuole andare, senza aver scelto a priori una direzione...ed allora, sia! lasciamo che il vento faccia il suo corso, stabiliremo poi se è una leggera brezza che lascerà un brivido leggero lungo la schiena o se è una tempesta con cui dovremo fare i conti...certo è che qualunque sia il vento, dopo non sarà più la stessa cosa, ma forse è giusto che si cambi un po'...mi chiedo solo se è giusto, noi siamo dannati, lo sappiamo, ma contageremo anche lei? (fai sempre domande del cazzo Gemini!!) te lo dico io gemini, ascolta ad Arles. quella è più dannata di te e me messi insieme e se credi che sia tu ad avere un minimo di potere ti sbagli di grosso! non è mai un uomo che decide! Arles, non è mai un uomo a decidere...ma spesso fa di tutto perchè la decisione venga presa!
comunque io non ti capisco Gemini...neanche io capisco te Arles...ma devi ammettere che siamo una bella coppia...si di scemi!
oh ma tu hai notizie di lei? no di lei no...ho fatto qualche domanda in giro...e? hai scoeprto qualcosa? sai che non credo mai a quallo che dicono gli altri...già...
e campanellino? campanellino...lei è il mio raggio di sole nei giorni di tempesta...forse la stiamo trascurando un po'...si vero, maledetto lavoro...lavoro? gemini ma tu vuoi barare con me? no Arles...è solo che non voglio che lei guardi così a fondo...lei percepisce i miei stati d'animo ed ha quel modo di fare a cui non riesco a resistere e finisce che le dico tutto..anche più di quello che dovrei...quindi la stai evitando? no questo mai! evito forse che mi fissi negli occhi...anche se i suoi mi mancano parecchio...